Canederli allo speck con erbe di campo

 

A grande richiesta tornano in menù i Canederli in versione... marchigiana! Si, abbiamo unito i canederli allo speck dal Trentino Alto Adige alle nostre erbe di campo. Il risultato è un piatto goloso, con cui scaldare questo freddo inverno!

Mono porzione da 300g, pronta da riscaldare in 2 minuti al microonde. 

Peso confezione: 300 g

€6,08
 
 
Verifica disponibilità in negozio

Canederli allo Speck (cubetti di pane (farina di grano tenero tipo 00, lievito, sale), acqua, Speck Alto Adige IGP affumicato e stagionato 13% (carne suina, sale, conservante: nitrito di sodio, spezie), uova pastorizzate, cipolla, olio di semi di girasole, sale, prezzemolo) (66,7 %), Bieta (8,3 %), Spinaci (8,3 %), Cicoria (8,3 %), Patate al naturale a cubetti (Patate, sale(<0,1%)) (8,3 %), Olio extra vergine di oliva, Olio di semi di girasole, Sale fino, Aglio, Peperoncino, Prezzemolo, Pepe nero, Rosmarino

Contiene allergeni: cereali contenenti glutine, uova

Il prodotto può contenere tracce di: solfiti, crostacei, frutta a guscio, latte, molluschi, pesce, sedano, senape, soia

Valori nutrizionali medi per 100g di prodotto

Energia: 686 kJ
Energia: 164 kcal
Grassi: 9,1 g
di cui grassi saturi: 1,5 g
Carboidrati: 17 g
di cui zuccheri: 15 g
Fibre: 2,9 g
Proteine: 2,2 g
Sale: 0,16 g

Utile da sapere:

Conservazione

In frigorifero a +2/+4°C max. Una volta aperta la confezione, consumare entro 24h.

Scadenza

20 giorni dalla data di produzione

Come riscaldare

Microonde:

2 minuti a 800 watt, senza forare la pellicola o al massimo facendo un foro con uno stuzzicadenti.

Alternativo:

Riscaldare per 5 minuti in padella antiaderente, a fuoco lento e con coperchio. Girare spesso con una forchetta.

Smaltimento confezione

Piatto e pellicola: raccolta plastica.

Cartoncino esterno, ove presente: raccolta carta.

Sapevi che la nostra pasta fresca è fatta in casa?

Alex prepara ogni giorno nel nostro laboratorio tutta la pasta fresca di cui abbiamo bisogno, partendo da uova, semola e acqua. La sfoglia viene poi trafilata al bronzo, affinché resti porosa ed assorba meglio il sugo.